Sputnix | 1 Sep 15:32 2014
Picon

File - Grazie per aver scaricato Ubuntu | Ubuntu Italia.jpg


File        : Grazie per aver scaricato Ubuntu | Ubuntu Italia.jpg 
Description :  

------------------------------------

------------------------------------

Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universitŗ di Palermo
------------------------------------

Yahoo Groups Links

<*> To visit your group on the web, go to:
    http://groups.yahoo.com/group/Sputnix/

<*> Your email settings:
    Individual Email | Traditional

<*> To change settings online go to:
    http://groups.yahoo.com/group/Sputnix/join
    (Yahoo! ID required)

<*> To change settings via email:
    Sputnix-digest <at> yahoogroups.com 
    Sputnix-fullfeatured <at> yahoogroups.com

<*> To unsubscribe from this group, send an email to:
    Sputnix-unsubscribe <at> yahoogroups.com
(Continue reading)

Picon

Ginevra, Elementari e medie passanto a Linux-Ubuntu



E noi, fatichiamo con le università... M1nk1a signor Tenente!!!


Geneva class-rooms switching to free software

(
)
5/5 | 3 votes | 207 reads |

All primary and secondary public schools in the Swiss Canton of Geneva are switching to using Ubuntu GNU/Linux for the PCs used by teachers and students. The switch has been completed by all of the 170 primary public schools, and the migration of the canton's 20 secondary schools is planned for the next school year. Ubuntu GNU/Linux offers powerful services to the teachers, is easier to maintain, faster, safer and more stable than the decade-old proprietary operating system it is replacing, the canton's school IT department concludes, based on several four-year long pilots.

Making it easier to service the canton's schools' PC needs was one the main reasons for 'Service écoles-médias' (SEM), part of Geneva's IT department, to switch the schools to Ubuntu, as the proprietary system is no longer being maintained. Secondly, it is easier for PC users to switch to this system than to move to a recent version of the proprietary operating system, explains Cyril Roiron, who heads the Open Standards and Free Software project at the Geneva State Department for Education (Département de l'Instruction Publique, de la Culture et du Sport).

All of Geneva's primary schools, for school children aged 4 to 12, have one PC in a classroom that can be used by teachers and students to access the Internet, send emails, play educational games and run other educational applications. The provided configuration proposes 3 different sessions, based on the target group: one for the 'administrative' work of the teacher, and one for each of the two children's age groups.

Bandwidth

Some secondary schools, for students aged 12 to 15, already have one or two PC labs and currently use a mix of PCs running Ubuntu and two different brands of proprietary operating systems. "Where possible, we'll be phasing out the proprietary systems. For now, one language teaching tool will only work on a proprietary operating system, so we will not be able to get rid of them all."

SEM is focussing entirely on the PCs that are used for teaching. It has been preparing the switch to GNU/Linux for years. During this time, it has created inventories of PC hardware and the various computer network facility capacities. It has searched for and tested alternatives for all the applications used. The department is making available a detailed http://petit-bazar.unige.ch/guide-utilisation-ubuntu.pdf manual. They also organise teacher trainings, host an online forum for teachers, and are available for teachers to drop by with questions on Wednesday afternoon.

Hiccups

As in many large ICT projects, Roiron says, switching the Geneva Canton's secondary schools to Ubuntu GNU/Linux experienced a few hiccups. A few teachers lost data during the switch because they did not follow the back-up instructions and copied 'shortcuts to data', instead of the data itself. Some teachers were very keen to use cloud services to manage files, and the Service écoles-médias team wrestled with a wide variety of printers and other PC peripherals. For some the drivers were not fully translated into French, and others limited the available options on printers. "We had many questions on the availability of fonts, and how to scan photos and illustrations."

Easier to use

Ubuntu is proving not just easier to maintain, the switch is also emphasising the use of PCs in primary schools, says Roiron. "We've showed them how easy it is to use Ubuntu, and how we can help in several ways, including on-site and remote."

Roiron contacted all schools to offer training and assistance. He visited all of primary schools, often by bike, and met with teachers to discuss their PC needs and taking away their fears and doubts.

Change management

Among the teachers themselves, the biggest resistance is to the change from a proprietary text editor to the LibreOffice text editor. This is highlighting a lot of interoperability issues with documents stored in a mix of proprietary electronic formats, Roiron says. "We recommend that teachers install LibreOffice at home, or if that is not an option, to create PDFs for those documents they need to print at school. But that move is not exactly popular, even though training and support is available."

"Teachers in the secondary schools are required to give an introduction into free software, says Roiron. "However, many teachers don't have the time to increase their knowledge. It would make sense if more teachers were aware of the freedoms that come with free and open source software."

Geneva's primary schools has 32,501 students in the 2012/2013 school year, and another 13,048 students in the compulsory stage of its secondary school cycle.




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

Primo esoscheletro approvato dalla Food and Drug Administration



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-07-2014]

(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

L'idea di un esoscheletro che faccia tornare a camminare quanti hanno perso l'uso delle gambe è in circolazione ormai da qualche anno, e diverse sono le alternative.

Soltanto una, però, è riuscita a ottenere l'approvazione della statunitense Food and Drug Administration: quella realizzata da ReWalk Robotics.

L'azienda è stata fondata dal dottor Amit Goffer, rimasto vittima nel 1997 di un incidente su un quad, in seguito al quale non ha più potuto camminare.

Il ReWalk Personal System, approvato dalla FDA per uso domestico, sostiene nel movimento delle anche, delle ginocchia e delle caviglie e permette di sollevarsi in piedi e camminare ai pazienti paraplegici vittime di traumi alla spina dorsale alle vertebre da T7 a L5.

Uno "zainetto", del peso di circa 2,5 kg, contiene il computer che coordina il funzionamento di ReWalk; una serie di sensori consente di mantenere l'equilibrio mentre i motori integrati nelle protesi indossabili causano il movimento.

Per azionare l'esoscheletro si adopera un comando da indossare al polso: tramite questo sistema è possibile impartire l'ordine di alzarsi, di sedersi o di camminare. Il risultato - stando all'azienda e a chi l'ha provato - è un movimento molto simile a quello naturale.

È comunque necessario che chi usa ReWalk adoperi al contempo anche un paio di stampelle, ma si tratta di un compromesso decisamente accettabile per poter tornare a camminare. L'articolo continua dopo il video.

Come dicevamo all'inizio, vi sono altre alternative in sviluppo da tempo: pensiamo per esempio all'HAL di Cyberdine, all'eLegs di Berkeley Bionics, e all'X1 della NASA.

Va anche sottolineato che non sempre la tecnologia può aiutare. Riportiamo l'esperienza di Simone Fanti, giornalista che spesso scrive su Invisibili, un blog sul mondo della disabilità molto seguito. Simone ha avuto modo di sperimentare il ReWalk ma, dopo un comprensibile entusiasmo iniziale, si è reso conto che il ReWalk non faceva per lui.

Simone infatti racconta: "Quando ho visto Manuela Migliaccio su quei trampoli elettronici, così "agile", mi sono illuso di poter ottenere gli stessi vantaggi anch'io. Sembrava tutto facile. Ma il grado di disabilità era differente: la sua lesione più bassa le dà qualche muscolo funzionante in più di me e le differenze si fanno sentire".

"Dopo un primo periodo di esaltazione, mi sono reso conto dei limiti che aveva per me, tanto che in molte situazioni mentalmente mi sono chiesto se mi sarei mosso più comodamente seduto in sedia a rotelle o in piedi con le gambe robotiche?"

Emblematica la riflessione di Simone: "Fin dall'inizio ero consapevole che la tecnologia rappresenta il cerotto sulla ferita e non il disinfettante o la cura. Sedia a rotelle o esoscheletro sono degli ausili che ti permettono di fare azioni che non potresti compiere, come camminare o muoverti nello spazio, ma non risolvono il problema".




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

18000 licenziameni e in Cina perquisite le sedi Microsoft



Cina, perquisite le sedi Microsoft

Ufficialmente il motivo è un'indagine antitrust, ma potrebbe esserci sotto altro.

Le autorità cinesi hanno condotto delle ispezioni a sorpresa nelle sedi Microsoft del Paese, nel corso di un'inchiesta «anti monopolio».

Le perquisizioni sono state condotte negli uffici di Pechino, Shanghai, Guangzhou e Chengdu, e sono state confermate da un portavoce di Microsoft, il quale ha ribadito la volontà dell'azienda di «collaborare attivamente» con le autorità.

È di appena un paio di mesi fa la notizia secondo la quale il governo cinse ha impedito l'installazione di Windows 8 sui computer degli enti governativi e amministrativi.

Il tutto si inserisce in un quadro poco favorevole alle aziende americane che si occupano di tecnologia e hanno sedi in Cina: oltre a Microsoft, Google e Apple sono state accusate dalla stampa di aver partecipato a un programma di spionaggio condotto dal governo USA.Potrebbe essere questa la vera motivazione dietro le incursioni negli uffici dell'azienda di Redmond; averne conferma è, ovviamente, difficile.

Anche Qualcomm, d'altra parte, è di recente finita sotto inchiesta per questioni ufficialmente legate a una ipotizzata posizione di monopolio.




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

Tutta la PA Inglese userà solo ODF e PDF, lo ha deciso il governo.




Come potete leggere nell'allegato e sul sito dei comunicati stampa del governo inglese, TUTTA la pubblica amministrazione Inglese userà solo ODF e Pdf con un risparmi di 1,2 Miliardi di Sterline, più di 2 Miliardi di Euro.

Vincenzo VirgilioOpen document formats selected to meet user needs

Worldwide engagement leads to standards that get people working together.

The open standards selected for sharing and viewing government documents have been announced by the Minister for the Cabinet Office, Francis Maude.

The standards set out the document file formats that are expected to be used across all government bodies. Government will begin using open formats that will ensure that citizens and people working in government can use the applications that best meet their needs when they are viewing or working on documents together.

When departments have adopted these open standards:

  • citizens, businesses and voluntary organisations will no longer need specialist software to open or work with government documents
  • people working in government will be able to share and work with documents in the same format, reducing problems when they move between formats
  • government organisations will be able to choose the most suitable and cost effective applications, knowing their documents will work for people inside and outside of government

The selected standards, which are compatible with commonly used document applications, are:

  • PDF/A or HTML for viewing government documents
  • Open Document Format ( ODF ) for sharing or collaborating on government documents

The move supports the government’s policy to create a level playing field for suppliers of all sizes, with its digital by default agenda on track to make cumulative savings of £1.2 billion in this Parliament for citizens, businesses and taxpayers.

Minister for the Cabinet Office Francis Maude said:

Our long-term plan for a stronger economy is all about helping UK businesses grow. We have listened to those who told us that open standards will reduce their costs and make it easier to work with government. This is a major step forward for our digital-by-default agenda which is helping save citizens, businesses and taxpayers £1.2 billion over this Parliament.

Mike Bracken, Executive Director of the Government Digital Service said:

We had a huge response to this proposal, both from the standards community and the public as a whole. I want to thank everyone who took the time to comment.

Their feedback made it clear just how important choosing the right way of publishing documents is. Using an open standard will mean people won’t have costs imposed on them just to view or work with information from government. It’s a big step forward, and I’m delighted we’re taking it.

A rigorous process was undertaken which included considering over 500 public comments and talking directly to users.

One of the respondents to the proposal said on the Standards Hub:

From my perspective as IT manager for a UK charity, use of open standards for documents is key to controlling our overheads… From our perspective it makes sense to receive government documentation in ODF because it is possible to install up-to-date software on all computers.

The new standards will come into effect straight away for all new procurements subject to the Open Standards Principles. The Government Digital Service will work with departments to publish guidance and implementation plans.




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

Il governo Inglese sceglie Open Document



Worldwide engagement leads to standards that get people working together.

The open standards selected for sharing and viewing government documents have been announced by the Minister for the Cabinet Office, Francis Maude.

The standards set out the document file formats that are expected to be used across all government bodies. Government will begin using open formats that will ensure that citizens and people working in government can use the applications that best meet their needs when they are viewing or working on documents together.

When departments have adopted these open standards:

  • citizens, businesses and voluntary organisations will no longer need specialist software to open or work with government documents
  • people working in government will be able to share and work with documents in the same format, reducing problems when they move between formats
  • government organisations will be able to choose the most suitable and cost effective applications, knowing their documents will work for people inside and outside of government

The selected standards, which are compatible with commonly used document applications, are:

  • PDF/A or HTML for viewing government documents
  • Open Document Format ( ODF ) for sharing or collaborating on government documents

The move supports the government’s policy to create a level playing field for suppliers of all sizes, with its digital by default agenda on track to make cumulative savings of £1.2 billion in this Parliament for citizens, businesses and taxpayers.

Minister for the Cabinet Office Francis Maude said:

Our long-term plan for a stronger economy is all about helping UK businesses grow. We have listened to those who told us that open standards will reduce their costs and make it easier to work with government. This is a major step forward for our digital-by-default agenda which is helping save citizens, businesses and taxpayers £1.2 billion over this Parliament.

Mike Bracken, Executive Director of the Government Digital Service said:

We had a huge response to this proposal, both from the standards community and the public as a whole. I want to thank everyone who took the time to comment.

Their feedback made it clear just how important choosing the right way of publishing documents is. Using an open standard will mean people won’t have costs imposed on them just to view or work with information from government. It’s a big step forward, and I’m delighted we’re taking it.

A rigorous process was undertaken which included considering over 500 public comments and talking directly to users.

One of the respondents to the proposal said on the Standards Hub:

From my perspective as IT manager for a UK charity, use of open standards for documents is key to controlling our overheads… From our perspective it makes sense to receive government documentation in ODF because it is possible to install up-to-date software on all computers.

The new standards will come into effect straight away for all new procurements subject to the Open Standards Principles. The Government Digital Service will work with departments to publish guidance and implementation plans.




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

Linux, Canonical canta vittoria a Monaco



L'azienda annuncia al mondo che il merito di aver garantito milioni di euro di risparmi alla capitale della Baviera è tutto di Ubuntu. Il progetto di conversione è durato 10 anni

Roma - Che l'operazione di conversione della rete civica di Monaco di Baviera a Linux fosse stato un successo è una notizia della fine del 2013: ma ora Canonical ci tiene a chiarire il proprio ruolo e quello della distribuzione Ubuntu nel cammino (invero periglioso) che ha condotto la municipalità alla conversione completa al software libero, dal sistema operativo ai formati documentali. Un progetto che è valso milioni di euro di risparmi, ma che soprattutto ha dimostrato la fattibilità di tale tipo di operazione.

Il cammino di Linux in Baviera è iniziato addirittura nel 2003: all'epoca erano i server, su cui girava l'ormai datato Windows NT, ad avere bisogno di nuova linfa, ma col passare degli anni e con il crescere delle esigenze di ammodernamento si è fatta strada la possibilità di un migrazione pressoché totale all'open source. Inizialmente, come ricorda Canonical, era stata Debian la prescelta per avviare cambiamento: i tempi lunghi di aggiornamento di quella che è a tutti gli effetti una distribuzione da professionisti, più che da utenti finali, hanno poi convinto i manager IT di Monaco a riconsiderare il software da utilizzare.

E così nel 2009 Ubuntu ha fatto il suo debutto nell'infrastruttura di Monaco: stando a Canonical, il successo del programma LiMux è legato proprio alla svolta introdotta dalla propria distribuzione che negli anni ha permesso di completare la conversione di 12mila PC al nuovo sistema operativo (nel frattempo saliti a 14mila), e un risparmio stimabile attorno a 11 milioni a fronte di un costo complessivo di circa 23 milioni di euro. Effettuare lo stesso tipo di aggiornamento dell'infrastruttura passando, ad esempio, a Windows 7 sarebbe costato non meno di 34 milioni secondo le cifre di Canonical.Ubuntu spera naturalmente di fare di Monaco un "caso di successo" per promuovere il proprio prodotto tra i cosiddetti decision maker: la torta della Pubblica Amministrazione è molto attraente e appetitosa, non a caso c'è stata una certa polemica negli scorsi anni tra Microsoft e la stessa Municipalità della Baviera riguardo le cifre in ballo e gli effettivi risparmi che questo tipo di conversione è in grado di garantire. Il fatto stesso che altre nazioni e altri enti pubblici, dalla Spagna alla Francia, stiano valutando progetti simili o li abbiano già avviati è comunque già il segno che questo tipo di possibilità è tenuta in conto in alcuni ambiti del mercato: non che questo significhi molto per le sorti di Linux sui desktop consumer, ma è comunque un settore piuttosto significativo dove il software open source (o meglio ancora FOSS) potrà dire molto nei prossimi anni.

Luca Annunziata




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

Il Comune ‚Äúlicenzia‚ÄĚ Microsoft Office




Nei 900 computer di palazzo un sistema open source. «Risparmiamo 360 mila euro»



7 giugno 2014 Il Comune di Udine dice addio a Microsoft Office e alle licenze a pagamento per i computer dell’amministrazione. Ma soprattutto punta a rivoluzionare l’intero sistema informatico con software open source sempre aggiornati e, contemporaneamente, risparmiare nei prossimi anni circa 360 mila euro.

Il via alla rivoluzione informatica, perché di vera e propria rivoluzione si tratta, è stato dato dalla giunta comunale che su proposta dell’assessore all’Innovazione, Gabriele Giacomini, ha approvato la delibera con cui l’amministrazione udinese adotterà per tutti i suoi computer un sistema open source, ovvero aperto, libero e non a pagamento. «È una rivoluzione copernicana nell’ambito dell’informatica e dei sistemi informativi del Comune – spiega Giacomini –, perché si riconosce l’importanza e la validità di soluzioni open che stanno avendo sempre più successo e che affiancano la qualità del prodotto con la partecipazione di sviluppatori informatici indipendenti. Ma questa scelta comporta non solo un risparmio economico per la casse comunali. Utilizzare questi nuovi strumenti – prosegue – significa anche avere dei sistemi informatici non solo gratuiti, ma continuamente aggiornati. Il che si traduce in una maggiore efficienza della macchina amministrativa dato che il software libero è tenuto al passo con i tempi».

Il termine inglese open source, infatti, significa sorgente aperta ed indica un software i cui autori ne permettono e ne favoriscono il libero utilizzo, senza alcun costo di licenza. Nella maggior parte dei casi questi software hanno alle spalle una folta community di programmatori che contribuisce al loro aggiornamento, sviluppo e diffusione. Questo consente ai software open source di essere nella realtà ad un livello paragonabile, se non superiore, al software commerciale. Linux, Firefox e WordPress sono tra gli esempi più noti e di maggior successo di software open source. Il pacchetto che si candida a sostituire Microsoft Office in Comune di Udine, invece, è «Apache Open Office».

L’obiettivo è quello di arrivare alla fine del 2015 con il nuovo sistema installato e funzionante su tutti e gli oltre 900 computer in uso nelle diverse sedi comunali. Computer dove attualmente è in uso il pacchetto proprietario di Microsoft che costa circa 400 euro l’uno e che è utilizzato per tutte le necessità di word processing, di foglio di calcolo, di gestione database e di elaborazione di presentazioni. Man mano che nell’ambito dell’ordinario piano di aggiornamento tecnologico del Comune verranno acquistati nuovi personal computer, dunque, si risparmierà la cifra di circa 400 euro per ognuno. Microsoft Office infatti non verrà acquistato e verrà sostituito dall’equivalente programma open source. Basta fare un veloce moltiplicazione per scoprire come nei prossimi anni, con questa rivoluzione, palazzo D’Aronco risparmierà fino a 360 mila euro. «L’operazione – conclude l’assessore – sarà affiancata da una capillare azione di formazione di tutto il personale comunale in modo tale che sia in grado di utilizzare il nuovo software. Nel 2014 sarà formato il 40 per cento dei dipendenti comunali e nel 2015 raggiungeremo la totalità».




__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Picon

S-Con-Gelato-X



Il caldo estivo, anche se poco, fa decisamente male alla testa dei pinguini!

Pertanto, solo in questa stagione, un nuovo incontro, S-Con-Gelato-X in cui ovviamente si può scegliere di essere puntuali alle 20.30 a casa di Andrea Tsanos oppure venire dopo, sperando che, dopo la pizza, ci sia ancora del gelato!!!

Ci vediamo allora Mercoledì 16.

Vincenzo

p.s. se cercate con Google "Where is Richard Stallman" date un'occhiata dove ci raggiungerà il 27 Settembre!!! Bis in soli 5 mesi!?!?!?Write a message...

__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit
Sputnix | 1 Jul 17:19 2014
Picon

File - Grazie per aver scaricato Ubuntu | Ubuntu Italia.jpg


File        : Grazie per aver scaricato Ubuntu | Ubuntu Italia.jpg 
Description :  

------------------------------------

------------------------------------

Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universitŗ di Palermo
------------------------------------

Yahoo Groups Links

<*> To visit your group on the web, go to:
    http://groups.yahoo.com/group/Sputnix/

<*> Your email settings:
    Individual Email | Traditional

<*> To change settings online go to:
    http://groups.yahoo.com/group/Sputnix/join
    (Yahoo! ID required)

<*> To change settings via email:
    Sputnix-digest <at> yahoogroups.com 
    Sputnix-fullfeatured <at> yahoogroups.com

<*> To unsubscribe from this group, send an email to:
    Sputnix-unsubscribe <at> yahoogroups.com

<*> Your use of Yahoo Groups is subject to:
    https://info.yahoo.com/legal/us/yahoo/utos/terms/

Picon

Windows? E' un immobilizzazione!!!



Merita una profonda riflessione; se acquisto del software proprietario, me lo ritrovo come "immobilizzazione immateriale" nello stato patrimoniale di una società.


Quindi, la domande è:


Perchè la gente vuole l'immobilizzazione del proprio capitale e quindi del proprio cervello?


Meditate gente, meditate.


Vincenzo Virgilio



__._,_.___
Posted by: enzo_virgilio <at> yahoo.it


Linux Day Sabato 26 Ottobre 2013
Teatro Gregotti - Universit

Gmane